Italian - Italy
sound by Jbgmusic

I Commenti delle danzatrici:

 

Ho potuto certamente approfondire e affinare tecnica e stile, ma, soprattutto ho potuto scoprire e sperimentare una me che non conoscevo.

 


 

Ho avuto la possibilità di esprimermi anche “sbagliando” e capire poi che non esistono errori e che, anzi,

un errore può diventare un’ispirazione. A volete…a volte sono errori e ci insegnano ad essere più costanti.

 


 

Questo percorso mi ha insegnato che bisogna essere “organici” che bella parola, ma soprattutto che bella scoperta!

 


 

Sono veramente grata a me stessa di essermi concessa tutto questo malgrado la distanza, e sono grata a Maria, per aver fatto si che uscissi dal mio guscio.

 


 

Non avevo danzato mai così’!

 


 

Ci ha dato modo di esprimerci, libere, senza preconcetti e giudizi, in situazioni inusuali che ci hanno fatto esplorare realtà diverse.

 


 

Fusion non è confusion come dice Maria, ho imparato a conoscere e apprezzare i diversi linguaggi della arti performative.

 


 

Non avevo danzato mai così!

 


 

Sento di aver acquisito un’altra consapevolezza di me, della mia danza e del mio corpo e, cosa molto importante, ho imparato davvero come usare la danza.

 

 


 

 

Ho imparato a rispettarmi, a rispettare le mie emozioni e sensazioni…le mie paure e desideri, e tutto questo ad un corso di danza!

 

 


 

Il Teatro del Respiro è un ricettacolo di persone magnifiche. Insegnati ospiti, musicisti che hanno suonato con e per noi…sono tutte persone magnifiche, sensibili all’arte per questo vengono attratte qui!

 

 


 

 

Molto diverso dalle aspettative che si hanno della danza orientale. Originale e forte.

 

 


 

 

Ho amato di questo percorso quello che ha fatto uscire da ciascuna di noi.

 

 


 

Sono veramente grata a me stessa di essermi concessa tutto questo malgrado la distanza, e sono grata a Maria, per aver fatto si che uscissi dal mio guscio.

 


 

Non avevo danzato mai così!

Ci ha dato modo di esprimerci, libere, senza preconcetti e giudizi, in situazioni inusuali che ci hanno fatto esplorare realtà diverse.

 


 

Fusion non è confusion come dice Maria, ho imparato a conoscere e apprezzare i diversi linguaggi della arti performative.